Archivi categoria: bene comune

Un bene comune è un bene pubblico, cioè di tutti noi, e non di nessuno!

A Chiavari si asfalta

A seguito di procedura di gara partirà l’ asfaltatura di alcune vie cittadine; mi sono fatto dare l’elenco delle strade interessate:

Giorgio Canepa

Giorgio Canepa

1) Rifacimento asfalto 3 cm, dopo scarnificazione, per circa 8.250 mq. – costo 112.000 € + Iva

  • Tito Groppo
  • C.so Millo (da vico dei Cogorno alla Piazza)
  • Piazza Caduti (carreggiata lato ponente)
  • Tratto via Pianello (incrocio via S. Chiara)
  • Via dei velieri

2) Rifacimento asfalto 10 cm., dopo scarnificazione, per circa 3.900 mq. – costo 156.000 € + Iva

  • Via Parma (da salita Chiesa Caperana a via Piacenza)
  • Via Piacenza
  • Via per Maxena (da via Sampierdicanne a salita Casaretto)
  • Viale Devoto (da via Entella a Villaggio Novelli)
  • Via Ri Alto (da civ. 19/A a Torre civica)
  • Varie vie cittadine …non ben identificate

3) Risagomature (tappare le buche) per circa 250 mq. – costo 50.000 € più’ Iva

4) Lavori vari, quali riposizionamento tombini – costo 16.000 €

A gara aggiudicata pare che si stia cercando di modificare gli interventi, ritardando quelli in via Tito Groppo e via Parma per il fatto che continueranno a passare i camion per l’ ampliamento del porto (che come ben sapete e’ stato spostato all’ autunno …speriamo); al loro posto hanno intenzione di inserire corso Assarotti.

Ma questa nota potrebbe servire anche per identificare altre situazioni di disagio, magari prioritarie a questi interventi: se ne avete segnalatele.

Giorgio Canepa

 

Lettera aperta all’ Amministrazione chiavarese per il 2013 in occasione della Befana

Il tempo di festeggiare e’ quasi passato, ora arriva la Befana (Epifania) ……. che tutte le feste porta via …, ma che io ho sempre interpretato come il momento di pensare al nuovo anno “lavorativo”.

Credo che per Chiavari si debba affrontare questo nuovo anno 2013, cercando di “dimenticare” la politica (vecchio stile) e la polemica anche nel particolare momento in cui vive il Paese ed i Cittadini chiavaresi.

Cosa fa’ un buon padre di famiglia quando il bilancio famigliare (entrate ed uscite) scricchiola ?
Cerca di ottimizzare, incrementando (se possibile) le entrate o riducendo le uscite …. ma come fare?
Facendo, sempre se possibile, degli straordinari ho chiedendo ai famigliari di trovare un qualche lavoro = LAVORARE di PIU’

Dall’ altro versante riducendo drasticamente le spese voluttuarie ed essere oculato per quelle indispensabili, ma anche cercando di indirizzarsi verso qualche investimento che possa ridurre nel tempo la spesa fissa (es. copra un velocipede, magari elettrico per risparmiare sulla benzina), quindi = OTTIMIZZARE al MASSIMO

E queste dovrebbero essere le linee guida per il 2013 del Comune di Chiavari :

  • Ottimizzare, nell’ ottica della riduzione e miglior utilizzo, le spese di funzionamento
  • Incrementare, anche con progetti di qualità, l’ efficienza ed efficacia del personale e dell’ Amministrazione
  • Rivolgere gli investimenti (quei pochi possibili) anche verso quelle cose che nel tempo possano far risparmiare e/o migliorare il “buon vivere a Chiavari”

Quindi prima agendo sul fronte delle spesa cercando di trasformarla in “spesa di qualità” , anche attraverso una più marcata condivisione con i Cittadini (comunicazione, coinvolgimento e velocità nell’informazione).
Ma agendo anche sul fronte delle entrate, cercando di attivare parametri più vicini alla reale situazione dei Cittadini (Politiche famigliari, ma anche riduzioni attraverso un approccio il più etico possibile)

Sappiamo (Partecip@TTIVA e Giorgio Canepa) che non e’ facile, ma se veramente tutta l’Amministrazione ed il Consiglio Comunale si sono presentati e proposti per essere al Servizio dei Cittadini, e’ un obbligo per almeno tentare, ma realmente non solo a parole.

Da parte mia, con il supporto di Partecip@TTIVA, offro la massima disponibilità per lavorare e supportare tutte quelle azioni indirizzate a incontrare i concetti di cui in questa lettera aperta.

Direttamente cercheremo di proporre idee e suggerimenti (nelle forme previste dalla legge, ma se possibile anche in modo più informale) che saranno solo rivolte al “buon vivere a Chiavari”

4 Gennaio 2013

Il Consigliere Capogruppo di Partecip@TTIVA
Giorgio Canepa

Resoconto del Consiglio Comunale

Di seguito un commento del consigliere Canepa al Consiglio Comunale di Mercoledi 29 Agosto.

Tutti presenti ad eccezione di Rombolini, che come per le commissioni, non si e’ presentato.

Vediamo come sono andate le pratiche (con riportato il mio voto):

1 – Regolamento IMU: voto FAVOREVOLE – parte “tecnica” dove si ricalca piu’ o meno uno stardard usato da tutti

2 – Aliquote IMU: voto CONTRARIO – ho ribadito che non concordo in quanto ci sono tre punti che non si condividono:

• Aliquota al 0,76% (che poi e’ quella base) per le abitazioni principali concesse in uso gratuito ai parenti di 1° grado: io proponevo (come da nostro programma) lo 0,4% in quanto per molti questa e’ la prima casa (es. muore uno dei coniugi, il 50% della casa va’ ai figli, su questa porzione si paga lo 0,76% pur rimanendo la casa come 1° casa del coniuge superstite, ed altre tipologie simili)

• Aliquota del 0,83% per tutti gli “altri” immobili, compresi i negozi NON locati  quando invece per le abitazioni sara’ del 1,06% : non mi sembra ne’ giusto, ne’ coerente

• L’ aliquota ridotta del 0,4% per residenti e dimoranti nel Comune di Chiavari: OK, ma non sono state prospettate azioni per identificare (non sanno come fare) le 1° case fittizzie, cioe’ dove ha la residenza uno dei coniugi ma che in effetti dimora con il coniuge in qualche altra parte d’ Italia (pare che vogliano fare un controllo solo su coniugi entrambi residenti a Chiavari, ma non per gli altri). A questo proposito giusto oggi sul Secolo e’ apparso un articolo dove si riporta che il TAR condanna questa pratica, e molti comuni stanno gia’ mettendo in atto azioni per prevenirlo e punirlo

Recuperando sulle azioni suggerite si poteva ridurre l’ aliquota per i parenti di 1° grado, e se non bastava si potevano trovare risorse magari con riduzioni di costi (esempio la mercedes blu) oppure con una piccolissima percentuale di IRPEF sui redditi superiori a 100.000€.

Sono intervenuti anche altri, in particolare Barsotti che ha detto che quelle a cui facevo riferimento sono marginalità’, che riguardano poche persone. Perché dico io? Anche se fosse una sola persona in queste condizioni (ma sono sicuro che sono in tanti) sarebbe giusto ed etico (ma non parlavano di attenzione alla famiglia ???) trovare una soluzione.

Continua a leggere

Un “Contratto di fiume” per l’Entella

Il fiume Entella è la principale risorsa del nostro comprensorio.
I nostri comuni esistono proprio perchè esiste l’Entella, dalla sua sorgente fino alla foce, con tutti i suoi affluenti.
E dall’Entella allora che bisogna ripartire per valorizzarci, sia dal punto di vista ambientale che da quello economico che da quello culturale.Fiume Entella

Il punto di partenza per ripartire può essere quello di sottoscrivere un “Contratto di fiume”, che è un accordo volontario che una serie di soggetti che hanno a che fare con il fiume Entella ( strutture di governo del territorio, cittadini e rappresentanti delle categorie che hanno interessi legati ai territori fluviali come agricoltori, industriali, pescatori, canoisti, associazioni ambientaliste, ecc.) sottoscrivono allo scopo di concertare tutte le azioni che riguardano il bacino dell’Entella.

Il concetto di ‘Contratto di fiume’, introdotto nell’ ambito del 2° Forum Mondiale dell’ Acqua del 2000 a L’Aia e poi ripreso dalla Direttiva Europea sulle Acque 2000/60/CE, è uno strumento con il quale stabilire un sistema di regole che metta sullo stesso piano criteri di utilità pubblica, rendimento economico, valore sociale e sostenibilità ambientale. I Contratti di fiume si configurano quindi come strumenti di programmazione negoziata interrelati a processi di pianificazione dei bacini fluviali.
Con la sottoscrizione di questo accordo si permetterà di adottare un sistema di regole in cui i criteri di utilità pubblica, rendimento economico, ambientale intervengono in modo prioritario nella ricerca di soluzioni efficaci per la riqualificazione del bacino fluviale.

Da mesi sta lavorando a questa idea un comitato spontaneo di cittadini e associazioni, al quale anche Partecipattiva ha dato il proprio contributo.
Il lavoro fatto ha prodotto un documento da portare all’approvazione di tutti i Consigli Comunali del bacino dell’Entella, a cominciare da Chiavari, per impegnare i sindaci a sedersi intorno ad un tavolo e realizzare l’accordo.
Per Chiavari il nostro consigliere, Giorgio Canepa, insieme al consigliere comunale Viarengo, ha depositato il  documento ( Ordine del giorno Contratto di Fiume_upd(1) ) che sarà esaminato durante il Consiglio Comunale di mercoledì prossimo.

Di seguito alcuni link per approfondire l’argomento

http://www.contrattidifiume.it/
http://www.provincia.torino.gov.it/ambiente/risorse_idriche/progetti/contratto_fiume
http://www.contrattidifiume.alessandria.it/
http://www.contrattofiumepanaro.it/
http://www.regione.piemonte.it/acqua/contratti.htm
http://www.a21italy.it/medias/1275-carta-contratti-di-fiume.pdf
http://www.darioflaccovio.it/pdfdescr/698-DF0073.pdf

Attività del consigliere Canepa

In questi giorni il consigliere di Partecipattiva Giorgio Canepa ha presentato all’amministrazione alcune richieste.
Ne pubblichiamo di seguito il testo, impegnandoci nel contempo a pubblicare le risposte che l’amministrazione farà pervenire nei tempi dovuti:

INTERPELLANZA
Oggetto: Lames
Il sottoscritto Giorgio Canepa, consigliere del gruppo Partecipattiva, chiede al Sindaco di aggiornare il Consiglio Comunale sulla situazione dell’area Lames.

INTERROGAZIONE CON RICHIESTA DI RISPOSTA SCRITTA
Oggetto: modifiche ai vigenti testi dello Statuto Comunale, del Regolamento del Consiglio Comunale e del Regolamento delle Commissioni Consiliari.
Come è noto la precedente amministrazione operò, subito dopo essere entrata in carico, una severa revisione dei testi dello Statuto Comunale, del Regolamento del Consiglio Comunale e del Regolamento delle Commissioni Consiliari. In particolare furono introdotte nette limitazioni alla partecipazione dei cittadini.
Si chiede pertanto:
– se è intenzione del Sindaco e della maggioranza apportare modifiche ai vigenti testi dello Statuto Comunale, del Regolamento del Consiglio Comunale e del Regolamento delle Commissioni Consiliari
– in caso affermativo, con quali modalità e in quali tempi si prevede di intervenire e come potranno partecipare alla stesura dei nuovi testi i consiglieri di minoranza

INTERROGAZIONE CON RICHIESTA DI RISPOSTA SCRITTA
Oggetto: richiesta di spazio sul Sito ufficiale del Comune di Chiavari
Con riferimento alla precedente richiesta con la quale si richiedeva un Ufficio per le minoranze ed uno spazio per le stesse sul Sito ufficiale del Comune di Chiavari, vorrei:
– ringraziare per l’ ufficio concesso e che già da alcune settimane io sto’ usando per ricevere quanti vogliono incontrare il Consigliere di Partecipattiva
– chiedere se e’ intenzione del Sindaco e della maggioranza rendere disponibile uno spazio sul Sito ufficiale del Comune di Chiavari al fine di poterlo utilizzare per scopi istituzionali (coordinate, disponibilità del Consigliere, messaggi e/o risposte ai Cittadini)

INTERROGAZIONE CON RICHIESTA DI RISPOSTA SCRITTA
Oggetto: richiesta Riprese Televisive del Consiglio Comunale
Con riferimento alla precedente richiesta, di cui in calce, si richiede di conoscere se e’ intenzione del Sindaco e della maggioranza di permettere ad un maggior numero di Cittadini di poter essere presenti “virtualmente” al Consiglio Comunale attraverso la trasmissione dello stesso.
(Chiavari, 20 Giugno 2012
Oggetto : Richiesta Riprese Televisive del Consiglio Comunale
Con la presente, nello spirito di “aprire” a tutti i Cittadini la possibilità di seguire i dibattiti del Consiglio Comunale, Le chiedo di permettere la ripresa televisiva di TUTTE e per TUTTO il
tempo delle sedute del Consiglio Comunale di Chiavari.
La trasmissione, in diretta e/o differita, permetterà ad un maggior numero di Cittadini di poter seguire le discussioni e così essere sempre più vicini ai loro rappresentanti (maggioranza o
minoranza).
Sono sicuro che non sarà difficile trovare una emittente televisiva che potrà svolgere questo servizio.
In attesa di una risposta scritta in tempi accettabili, invio cordiali saluti.
Il Consigliere Capogruppo di Partecipattiva
Giorgio Canepa)

L’impegno per i primi 100 giorni

Stiamo avvicinandoci al momento in cui i chiavaresi dovranno scegliere la Persona che amministrerà la città nei prossimi 5 anni.

Giorgio Canepa e Partecipattiva hanno già ampiamente illustrato le proprie linee programmatiche, ma al termine di questa interessante campagna elettorale vogliono prendersi alcuni impegni cui dare attuazione immediata:

Continua a leggere