Elezioni Comunali Chiavari 2017

Elezioni Comunali 2017 a Chiavari

il Programma Elettorale di Partecipattiva per le elezioni a Chiavari nel 2017

PartecipATTIVA, dopo aver annunciato il Candidato Sindaco Giorgio Canepa, comunica il programma elettorale per le elezioni comunali di Chiavari 2017.

Alla stesura hanno partecipato numerosi associati e simpatizzanti, che mettono a disposizione le loro competenze ed esperienze personali, e il coinvolgimento di cittadini e professionisti che hanno esposto i loro problemi e osservazioni.
A seguire: i principi di base dell’ideologia associativa, lo schema del programma elettorale diviso in ambiti di intervento e i relativi approfondimenti.

Sommario:

Obiettivo Chiavari 2030 città slow: cosa è una città slow ?

Chiavari cittaslow elezioni 2017

Chiavari cittaslow elezioni 2017

Le città slow offrono un modello nuovo di concetto del vivere, del produrre, del consumare basato su “qualità lente”.
In un mondo sempre più connesso, che ci fornisce opportunità inedite di conoscere, comunicare e scambiare merci e culture, cresce l’importanza della radice territoriale, della propria storia ed esperienza, unica e irripetibile.

E’ nostro obiettivo aderire alla rete Cittaslow internazionale e ai suoi principi e obiettivi fondamentali, perché Cittaslow rappresenta un nuovo modello centrato non più sulla crescita continuata ma sulla qualità della vita: l’ambiente, il patrimonio storico, artistico e culturale, la salvaguardia e la valorizzazione delle produzioni tipiche, dei servizi, ma soprattutto le questioni delle identità delle città, del rapporto con gli operatori e i cittadini, dell’accoglienza e dell’ospitalità.

Sono proprio le piccole città che più delle metropoli sanno esaltare la propria propensione al viver bene, che sanno sfruttare i paesaggi e le bellezze naturali, valorizzare l’antico patrimonio artistico e monumentale, che sono sempre più attente all’ambiente e alla biodiversità come fattori di ricchezza sviluppando una vera imprenditorialità del tempo libero, che sanno esaltare in ogni modo il gusto della diversità, il gusto dell’immaginazione, il gusto della socialità.


Pillole di Programma

torna al sommario


Chiavari 2030 – città slow

Valori alla base del programma

  • La ricchezza di un territorio risiede nel livello di soddisfazione dei bisogni dei suoi abitanti in termini economici ma anche di sicurezza, comodità, senso di appartenenza, prestigio, cultura, prospettive future.
  • Il Cittadino delega all’Amministrazione il miglioramento del suo benessere ma deve essere coinvolto e informato di quanto e perché si fa per quel fine. Occorre piena trasparenza dalla progettazione alla realizzazione degli interventi.
  • Promettere tutto è facile, ma amministrare bene significa stabilire delle priorità e perseguirle secondo un piano a medio e lungo termine ben preciso e condiviso dalla cittadinanza.
  • L’interesse privato e quello collettivo non devono essere considerati antitetici e alternativi, ma anzi convergenti verso finalità di progresso condivise. Cosa diversa dalla speculazione intesa come arricchimento dell’uno a scapito del bene comune.
  • Prioritario è certamente il lavoro, punto di partenza e di arrivo di ogni iniziativa. Va favorito e difeso in un’ottica comprensoriale e con la collaborazione di tutti.
  • Una città migliore dal punto di vista dell’attrattiva turistica, della mobilità, dei servizi al cittadino, dell’assistenza agli anziani, dell’istruzione , della cultura, ecc., comporta certamente un aumento delle possibilità di lavoro non solo stagionale.

torna al sommario


1) Politiche Infrastrutturali

  • Miglioramento della mobilità su mezzi pubblici in centro e verso il centro
  • Piste ciclabili efficienti per collegare i quartieri decentrati con gli edifici pubblici e il centro
  • Collegamento ciclabile con Lavagna e Sestri Levante
  • Aumento della sicurezza stradale per i pedoni
  • Abbattimento delle barriere architettoniche
  • Incremento delle ZTL con parcheggi per residenti e distribuzione “sostenibile” delle merci nel centro urbano
  • Maggiore vivibilità quotidiana per i cittadini
  • Fluidiflicazione del traffico
  • Interventi migliorativi del PUC

Azioni Prioritarie

  • Verifica con ATP possibilità di miglioramento del servizio di trasporto pubblico, in particolare con l’entroterra
  • Piano dei parcheggi di prossimità al centro con servizio di navetta a propulsione ecologica
  • Differenziazione delle tariffe di parcheggio a pagamento, che diminuiscano allontanandosi dal centro e con un minimo a frazione di ora
  • Parcheggi per biciclette
  • Miglioramento degli attraversamenti pedonali, introduzione di dissuasori di velocità e di zone a velocità ulteriormente limitata
  • Abbattimento delle barriere architettoniche negli edifici e luoghi pubblici, nelle scuole e nei percorsi pedonali
  • Abbattimento delle barriere architettoniche nel sottopasso della stazione
  • Definizione di un’ampia zona ZTL nel centro storico con accesso e parcheggi consentiti solo ai residenti
  • Miglioramento della distribuzione delle zone merci
  • Introduzione di un miniautobus elettrico che attraversa la zona ZTL ciclicamente a servizio del centro storico gratuito
  • Pedonalizzazioni delle piazze e vie a maggiore valenza sociale e turistica
  • Facilitazioni per i residenti che si recano quotidianamente a lavoro in altro comune
  • No al prolungamento di viale Kasman fino a Carasco
  • Modifiche al PUC per una maggiore salvaguardia del patrimonio ambientale avverso progetti di cementificazione

torna al sommario


2) Politiche per la Qualità Urbana

  • Interventi di recupero e valorizzazione del centro cittadino
  • Vivibilità urbana (tempi della città, servizi, ecc.)
  • Sostegno alle attività sportive
  • Azioni per rendere vive le zone decentrate
  • Città cablata/connessa (fibre ottiche, wireless)
  • Promozione di un’urbanistica sostenibile privata e pubblica
  • Promozione di infrastrutture sociali rivolte alle diverse fasce di età
  • Valorizzazione di spazi che commercializzino prodotti locali e difesa delle botteghe identitarie
  • Recupero/realizzazione di aree verdi sociali
  • Pulizia delle spiagge
  • Pulizia della città
  • Piano di protezione civile efficace e partecipato
  • Azione di prevenzione e sorveglianza a garanzia della sicurezza urbana

Azioni prioritarie

  • Restauro e valorizzazione di alcuni edifici storici pubblici e incentivazione dei privati perché intervengano sulle loro proprietà di pregio per conservazione del paesaggio urbano
  • Destinare l’ex tribunale e palazzo Rocca a scopo turistico/culturale
  • Interventi su arredo urbano, segnaletica turistica, miglioramento servizi igienici pubblici
  • Realizzazione di una rete bibliotecaria comunale moderna con spazi ospitali e fruibili
  • Avvio dell’iter per la realizzazione dell’area sportiva a Sampierdicanne nell’area (ad integrazione) del Palazzetto dello Sport
  • Sostegno ad associazioni sociali e sportive dei vari quartieri favorendo centri di aggregazione locale
  • Razionalizzazione delle aree per gli sport acquatici a disposizione di società sportive e associazioni
  • Completamento copertura wi-fi
  • Riqualificazione dell’area di Colmata con l’obiettivo di ottenere la massima fruibilità per i cittadini
  • Incentivazione alla riqualificazione degli stabilimenti balneari e delle spiagge attrezzate
  • Riesame delle modalità di pulizia delle spiagge e della raccolta differenziata in città
  • Promozione di azioni per la riduzione dei rifiuti e la creazione di una comunità consapevole e informata sulle tematiche di sostenibilità ambientale
  • Adeguamento, ove possibile, dei tempi della città (orari di apertura al pubblico di uffici e servizi) con le esigenze del lavoro e della scuola
  • Uso delle tecnologie per lo sviluppo di servizi interattivi per il cittadino e per il turista
  • Riqualificazione e riuso di aree marginali pubbliche
  • Verifica e aggiornamento del Piano di Protezione Civile con una valutazione precisa e completa del rischio
  • Informazione completa al cittadino sui comportamenti da tenere in caso di calamità con addestramento attraverso esercitazioni
  • Istituzione del Vigile di quartiere che “conosce” il quartiere a lui assegnato e nel quale presta regolarmente il proprio servizio
  • Istituzione del “Portiere di Quartiere”, un servizio con una sede visibile nel quartiere, da contattare per diverse necessità e che lavora in sinergia con il vigile di quartiere

torna al sommario


3) Politiche Energetiche e Ambientali

  • Immediato studio e valutazione economica dell’ammodernamento del depuratore in zona Preli
  • Messa in sicurezza del torrente Rupinaro
  • Miglioramento del sistema di raccolta differenziata
  • Rispetto dell’esito referendario per l’acqua ricercando in collaborazione con le altre amministrazioni
    locali la ricontrattazione degli attuali accordi, verso una ripubblicizzazione dell’acqua
  • Mitigazione del rischio idro-geologico del fiume Entella con interventi mirati e non speculativi
  • Riaffermazione della destinazione agricola della piana dell’Entella

Azioni prioritarie

  • Immediato studio e valutazione economica dell’ammodernamento del depuratore in zona Preli
  • Mitigazione del rischio del torrente Rupinaro
  • Finalizzazione degli obiettivi del Contratto di Fiume
  • Valutazione dei vantaggi economici derivanti da interventi per il risparmio energetico e l’utilizzo di energie rinnovabili negli edifici ed impianti pubblici ed avvio degli interventi conseguenti
  • Rispetto dell’esito referendario per l’acqua ricercando in collaborazione con le altre amministrazioni locali la ricontrattazione degli attuali accordi, verso una ripubblicizzazione dell’acqua
  • Ripresa dei contatti con Società Autostrade per l’insonorizzazione del tratto autostradale sottostante le frazioni di Campodonico, Sanguineto e Maxena
  • Forte azione nei confronti di Rete Ferroviaria Italiana per lo spostamento in altro Comune della zona Lavori che attualmente è posta in prossimità di Corso de Michiel
  • Installazione di distributori di acqua pubblica dove sia possibile attingere gratuitamente acqua della rete idrica comunale refrigerata, naturale e frizzante

torna al sommario


4) Politiche Agricole, Turistiche, Artigianali

  • Educazione al gusto e promozione dell’uso di prodotti di territorio, possibilmente biologici, nella ristorazione, nell’alimentazione privata e nella ristorazione collettiva pubblica (mense scolastiche, ecc)
  • Tutela dei prodotti e dei manufatti artigianali identitari valorizzando i mestieri e le tecniche di lavoro tradizionali
  • Tutela della natura
  • Valorizzazione e conservazione delle manifestazioni culturali locali ed incremento delle stesse
  • Valorizzazione del patrimonio culturale
  • Sviluppo del turismo non solo stagionale
  • Aumento della capacità alberghiera

Azioni prioritarie

  • Creazione della Cittadella della Cultura per realizzare, nei luoghi del centro storico restaurati e resi agibili, mostre permanenti o temporanee, esposizioni di collezioni, manifestazioni di richiamo
  • Valorizzazione con trasferimento in sede adatta del patrimonio archeologico della necropoli
  • Salvaguardia e raggruppamento in un’unica struttura dell’archivio storico comunale
  • Realizzazione di un centro espositivo-commerciale permanente dell’artigianato locale
  • Promozione delle attività collegate allo sviluppo del turismo aprendo tavoli di lavoro con le associazioni di categoria per incrementare le possibilità di lavoro a Chiavari
  • Recupero dei sentieri collinari, anche in funzione di promozione turistica
  • Incentivazione allo sviluppo dell’agriturismo
  • Incentivazione allo sviluppo e all’ammodernamento del settore alberghiero
  • Realizzazione con gli operatori di pacchetti turistici da promuovere in Italia e all’estero
  • Promozione di manifestazioni turistiche, culturali e sportive di livello nazionale
  • Individuazione di un evento annuale o semestrale che caratterizzi Chiavari
  • Promozione di un distretto di economia solidale (DES)
  • Valorizzazione del piccolo commercio favorendo eventi di risonanza non solo locale
  • Realizzazione di un portale internet specifico per promuovere l’offerta turistico-culturale
  • Istituzione di un tavolo di lavoro permanente con le scuole secondarie e i centri di formazione nell’ottica di migliorare l’ orientamento al lavoro degli studenti

torna al sommario


5) Politiche per l’Ospitalità, la Consapevolezza e la Formazione

  • Qualità delle strutture scolastiche
  • Buona accoglienza degli ospiti della città (formazione degli addetti, segnaletica, infrastrutture ed orari adeguati)
  • Adozione di tecniche partecipative efficaci per le decisioni amministrative più importanti
  • Presenza di associazioni attive che operino di concerto con l’amministrazione sui temi di “città slow”
  • Partecipazione politica
  • Gestione flussi e integrazione profughi

Azioni prioritarie

  • Mappatura dei bisogni delle scuole e investimento di risorse per la qualificazione del loro servizio e per la sicurezza degli edifici
  • Istituzione di un Ufficio del Turismo visibile ed accessibile in grado di dare servizi al turista a 360° (info e prenotazioni alberghiere, possibilità di soggiorno alternative, info culturali, tempo libero ecc.)
  • Formazione permanente sulle tematiche di “città slow”
  • Realizzazione del “Comune Aperto” per un dialogo continuo con i Cittadini mediante ripristino dell’URP e un sito internet che fornisca un servizio di interfaccia con obbligo di risposta
  • Stesura annuale di un bilancio comunale trasparente, semplice, partecipato dai cittadini
  • Assegnazione di ogni quartiere ad un Consigliere comunale con il compito di presidiarlo
  • Proposta di occasioni di formazione per giovani e famiglie su tematiche di prevenzione e promozione del benessere
  • Creazione del Consiglio Comunale dei ragazzi
  • Adesione al sistema SPRAR per gestire direttamente e organizzazione un’ospitalità diffusa dei profughi in piccoli gruppi familiari attivando corsi di istruzione e formazione professionale

torna al sommario


6) Politiche Sociali

  • Integrazione dei disabili
  • Vivibilità dei bambini e condizione dei giovani
  • Assistenza alle famiglie, in particolare a quelle con bisogni “speciali” (persone non autosufficienti a carico, nuclei familiari numerosi, ecc.)
  • Lotta alla povertà e al disagio

Azioni Prioritarie

  • Assistenza di qualità alle famiglie con disabili o anziani non autosufficienti
  • Valorizzazione di aree dedicate alle attività per i giovani e centri giovanili
  • Revisione del sistema di applicazione dell’ISEE per l’accesso ai servizi comunali e il pagamento delle relative tariffe, al fine di introdurre correttivi che tutelino maggiormente le famiglie numerose e con figli a carico, seppur in base al reddito
  • Revisione delle imposte comunali e le tariffe dei servizi, alla luce di opportuni interventi di razionalizzazione
  • Introduzione di un servizio adeguato di operatori socio-sanitari a servizio delle scuole (come in tutti i Comuni della Liguria)
  • Promozione dell’associazionismo e l’aggregazione sociale
  • Attività di educazione alla salute
  • Proposta di occasioni di formazione per i giovani e le famiglie, su tematiche di prevenzione e promozione del benessere

torna al sommario


il Programma di Partecip@TTIVA per le Elezioni 2017 a Chiavari

(versione breve per dispositivi mobili)

Politiche Infrastrutturali

Percorsi ciclabili ovunque con tanti posteggi per le biciclette, sicurezza per i pedoni, abbattimento delle barriere architettoniche nelle aree pubbliche, zone a traffico limitato (ztl) nel centro storico con bus-navetta a risparmio energetico, pedonalizzazione delle piazze del centro, revisione delle tariffe dei parcheggi.

Politiche per la Qualità Urbana

Realizzazione rete bibliotecaria comunale moderna con spazi ospitali e fruibili, miglioramento vibilità urbana (tempi della città, servizi, ecc.), pulizia della città, interventi su arredo urbano e segnaletica stradale, piano protezione civile efficace e partecipato, informazione completa al cittadino sui comportamenti in caso di calamità e addestramento attraverso esercitazioniazione, avvio iter per la realizzare l’area sportiva a Sampierdicanne adiacente al Palazzetto dello Sport, sostegno alle attività sportive, completamento copertura wi-fi, riesame modalità di pulizia spiagge e raccolta differenziata, riqualificazione area di Colmata con l’obiettivo di ottenere la massima fruibilità per i cittadini, animazione sociale dei quartieri periferici.

Politiche Energetiche e Ambientali

Immediato studio e valutazione economica dell’ammodernamento del depuratore di Preli, mitigazione del rischio del torrente Rupinaro, finalizzazione degli obiettivi del Contratto di Fiume per l’Entella, interventi per risparmio energetico e utilizzo di energie rinnovabili negli edifici e impianti pubblici, ripresa dei contatti con Società Autostrade per l’insonorizzazione del tratto autostradale sottostante le frazioni di Campodonico, Sanguineto e Maxena, forte azione nei confronti di Rete Ferroviaria Italiana per lo spostamento in altro Comune della zona Lavori attualmente posta in prossimità di Corso de Michiel, installazione di distributori di acqua pubblica dove sia possibile attingere gratuitamente acqua della rete idrica comunale refrigerata, naturale e frizzante.

Politiche Agricole, Turistiche, Artigianali

Creazione della Cittadella della Cultura per realizzare, nei luoghi del centro storico restaurati e resi agibili, mostre permanenti o temporanee, esposizioni di collezioni, manifestazioni di richiamo, promozione attività collegate allo sviluppo del turismo aprendo tavoli di lavoro con le associazioni di categoria per incrementare le possibilità di lavoro a Chiavari, recupero dei sentieri collinari anche in funzione di promozione turistica, realizzazione con gli operatori di pacchetti turistici da promuovere in Italia e all’estero, promozione di manifestazioni turistiche, culturali e sportive di livello nazionale, valorizzazione del piccolo commercio favorendo eventi di risonanza non solo locale, realizzazione di un portale internet specifico per promuovere l’offerta turistico-culturale, istituzione di un tavolo di lavoro permanente con le scuole secondarie e i centri di formazione nell’ottica di migliorare l’orientamento al lavoro degli studenti.

Politiche per Ospitalità, Consapevolezza e Formazione

Investire risorse per la qualificazione del servizio scolastico e la sicurezza degli edifici, realizzazione del “Comune Aperto” per un dialogo continuo con i Cittadini mediante ripristino dell’URP e sito internet che fornisca un servizio di interfaccia con obbligo di risposta, stesura annuale di un bilancio comunale trasparente, semplice, partecipato dai cittadini.

Politiche Sociali

Assistenza di qualità alle famiglie con disabili o anziani non autosufficienti, valorizzazione di aree dedicate alle attività per giovani e centri giovanili, revisione del sistema di applicazione dell’ISEE per l’accesso ai servizi comunali e il pagamento delle relative tariffe, al fine di introdurre correttivi che tutelino maggiormente le famiglie numerose e con figli a carico, seppur in base al reddito, revisione delle imposte comunali e le tariffe dei servizi, alla luce di opportuni interventi di razionalizzazione, introduzione di un servizio adeguato di operatori socio-sanitari a servizio delle scuole (come in tutti i Comuni della Liguria), lotta alla povertà e al disagio, proposta di occasioni di formazione per i giovani e le famiglie su tematiche di prevenzione e promozione del benessere.

Il futuro di Chiavari passa anche attraverso l’ammodernamento del depuratore

A questo indirizzo potete trovare la raccolta del materiale inerente la depurazione delle acque reflue che abbiamo prodotto per la conferenza del 4 maggio 2017.


Programma elettorale pubblicato nel gennaio 2017. Ultimo aggiornamento: maggio 2017

I risultati delle elezioni a Chiavari

Voti ai Sindaci
Candidato : Preferenze
LEVAGGI ROBERTO : 5119 : 38.31%
GIARDINI GIOVANNI : 565 : 4.23%
GIORGIO CANEPA : 1411 : 10.56%
DI CAPUA MARCO : 4272 : 31.97%
CAMA PASQUALE : 1994 : 14.92%

Voti della Lista PartecipATTIVA
Candidato Consigliere : Preferenze
ACACIA EMILIO : 16 : 2.06%
AHMED MAGDA : 14 : 1.8%
CASAGRANDE NICOLO’ : 24 : 3.09%
CHIESA STEFANO : 28 : 3.61%
CORIANDOLO ANDREA : 19 : 2.45%
COZZOLINO GEMMA : 13 : 1.68%
CUBEDDU DANILO : 12 : 1.55%
D’ANDREA PAOLA : 19 : 2.45%
FIERAMOSCA MARIA VITTORIA : 63 : 8.12%
MONTI ALESSANDRO : 210 : 27.06%
MORELLI FRANCESCO : 22 : 2.84%
PROFUMO ANDREA : 100 : 12.89%
SANNINO GIORGIO : 52 : 6.7%
STANIG SILVIA : 44 : 5.67%
TORCHIO ANDREA : 54 : 6.96%
TRABUCCO SYLVIA : 86 : 11.08%