Archivi tag: blog

Il costo dei trasporti pubblici, visto dai passeggeri

Segnalo questo confronto tra i prezzi dei biglietti e degli abbonamenti pubblicato da soldiblog.it in seguito a questa indagine del sole 24 ore di lunedì 27 agosto. Il punto di vista è quello dell’utente del servizio e non del gestore, ma compaiono comunque alcune proposte interessanti. Come avevamo proposto anche noi nel nostro programma per Chiavari, è importantissimo rendere l’abbonamento appetibile per abituare le persone ad usare il mezzo pubblico invece di quello privato.

WOMANIMATION: cortometraggi d’animazione al femminile

logo dodeskadenMartedì 14 agosto
21.30 Teatro Charitas di Chiavari, via Marana 8
SPERIM3NTA : Rassegna di arte visiva in movimento
terza edizione

Fuori programma: WOMANIMATION

Evento speciale in collaborazione con Zucchero Amaro, in occasione della manifestazione “Per mano di donna
(saranno offerti gustosi assaggini equo-solidali…!)

Per mano di donna : WOMANIMATION, cortometraggi d’animazione al femminile Continua a leggere

Beneficenza? No grazie, meglio il microcredito!

Leggo sul blog di Daniele questo modo intelligente di donare. Anzi di prestare: si chiama kiva ed è un sistema per permettere ad un donatore di finanziare uno specifico imprenditore nel Sud del Mondo, creando così un rapporto individuale tra i due, un po’ come avviene nelle adozioni a distanza. La cosa interessante è che la donazione non è a fondo perduto ma è un prestito che nel tempo sarà ripagato. Si possono fare donazioni a partire da 25$.

Pannelli solari fotovoltaico gratis!

Ecoblog.it riprende una proposta già pubblicata sul blog di Jacopo Fo: realizzare un gruppo d’acquisto per pannelli solari fotovoltaici.

La cosa interessante è che si sono organizzati per permettere ai partecipanti la realizzazione e installazione gratuita degli impianti solari!

Leggete come: “Pannelli solari fotovoltaici: guadagni subito grazie alla forza del nostro gruppo d’acquisto e ottieni garanzie e prezzi bassi!

Nasce l’associazione!


Ci siamo! Siamo pronti per far nascere ufficialmente un nuovo soggetto politico-culturale, aperto a tutto il territorio locale e, perché no, nazionale. Nasce “Partecipattiva“, associazione culturale e di impegno socio-politico, fondata sul manifesto “Persona e Comunità“.

Quando?
Mercoledì 27 giugno alle ore 21

Dove?
Presso la sede di via Cesare Battisti 1B a Chiavari (angolo Corso Dante)

Come?
È un percorso a due tappe:

  1. mercoledì 27 sera approviamo lo Statuto, individuiamo un gruppetto di soci fondatori, tra i quali un Presidente ed un Segretario provvisori, fissiamo una quota associativa;
  2. a settembre (la data la decidiamo insieme mercoledì sera) convochiamo l’Assemblea elettiva per eleggere gli Organi Sociali in modo partecipato.

Leggi la bozza di statuto e lascia i tuoi commenti. Sentiti libero di proporre delle modifiche: puoi farlo direttamente sul blog, puoi inviarle a <info@partecipattiva.org>, puoi presentale direttamente alla riunione di mercoledì. In quella sede tutte le proposte pervenute verranno esaminate e votate dai presenti.

Ti aspettiamo!

ART. 2 – Principi ispiratori – Scopo – Attività

  1. L’associazione ha carattere volontario e non ha finalità di lucro. Gli obiettivi programmatici e la struttura organizzativa sono ispirati ai principi della democrazia, della partecipazione, della tutela del bene comune, della solidarietà, della giustizia, della pace e della nonviolenza, della laicità, richiamandosi ai principi della Costituzione della Repubblica Italiana e ai valori della giustizia sociale, dell’uguaglianza nei diritti, della trasparenza e della legalità. Altri principi ispiratori sono contenuti nel manifesto per un nuovo impegno politico “Persona e Comunità” sottoscritto da ogni singolo socio e considerato vincolante per la vita associativa e riportato integralmente in appendice.
  2. L’associazione persegue e promuove:
    1. il dare spazio ai cittadini, alle loro competenze, progetti, critiche;
    2. la politica come “servizio”, in modo tale da porre al primo posto l’interesse della collettività;
    3. la partecipazione del cittadino come il punto di forza dell’azione amministrativa;
    4. progetti programmatici che nascano dalle persone e perseguano il benessere del proprio territorio, ispirandosi al manifesto Persona e Comunità;
    5. la cultura civica, intesa come presenza democratica competente circa la vita amministrativa della città, attraverso la conoscenza, l’approfondimento e la discussione dei temi politico-amministrativi centrali per la qualità della vita dei comuni del territorio;
  3. L’associazione, esplica la sua attività basandosi sul volontariato di tutti i soci e potrà promuovere a scopo di autofinanziamento, attività ed iniziative consentite dalla vigente legislazione per la quale non verrà stabilito uno specifico compenso.
  4. Per conseguire i fini di cui all’art. 2, l’Associazione si pone l’obiettivo di promuovere, sostenere, valorizzare iniziative di varia natura quali:
    1. predisposizione di strumenti utili finalizzati ad una valutazione comune delle priorità sociali con l’obiettivo di proporre ed attuare gli interventi più opportuni per incidere sulle decisioni della Pubblica Amministrazione;
    2. promozione di liste civiche che partecipino alle elezioni amministrative;
    3. iniziative ricreative: teatro e intrattenimenti musicali sia da parte di soci che di compagnie e complessi esterni; intrattenimenti per anziani, per ragazzi, per bambini e ricreativi in genere;
    4. attività di formazione: corsi di formazione, programmi di studio e di ricerca, attività formativo-educative, in collaborazione anche con Enti pubblici e privati, Istituti scolastici e altre Associazioni;
    5. attività editoriali e/o di comunicazione sociale: pubblicazione di riviste – bollettini, giornali murali, ricerche, atti di convegni e seminari, siti internet, blog e newsletter;
    6. attività ludico-sportive in genere a livello non professionale;
    7. attività culturali: convegni, dibattiti, tavole rotonde, conferenze, congressi, seminari, mostre, inchieste, istituzione e gestione di biblioteche, proiezione di film, documentari culturali o altri supporti audiovisivi.
  5. L’associazione potrà altresì concludere contratti ed accordi con altre associazione e terzi in genere.

Torna allo Statuto

no pago? pago, eccome se pago!

Non tutte le notizie di interesse pubblico finiscono sui giornali. Chi frequenta le biblioteche da anni conosce la battaglia che i bibliotecari da anni combattono contro la direttiva ue sul prestito a pagamento (92/100/ce). In questa direttiva, si stabilisce che gli stati membri devono remunerare gli autori per il prestito, anche nelle istituzioni pubbliche, ma hanno il potere di applicare una deroga per un certo numero di biblioteche pubbliche. Siccome lo stato italiano ha “trascurato” di esercitare questo potere, rendendole praticamente tutte pubbliche, ne’ ha legiferato in merito, per eccesso di deroga lo stesso stato ora e’ incorso in una sanzione di miliardi di euro. Lo stato italiano, nel 2004, invece di “impugnare” la decisione europea, cosa che avrebbe potuto legittimamente fare, ha lasciato decorrere i termini fino alla sanzione finale. Negligenza? Continua a leggere