Archivi tag: Chiavari

Iscrizioni a Partecipattiva 2015

Partecipattiva continua la sua attività anche in questo suo ottavo anno di vita:

  • continua a Chiavari e a Cogorno, con l’incessante azione in Consiglio Comunale.
  • continua attraverso l’impegno di supporto al Comitato “Giù le mani dal Fiume Entella” e al gruppo “Contratto di fiume”.
  • continua attraverso l’impegno a fare rete con altre esperienze analoghe presenti in tutto il territorio ligure (come è noto è nato da poco il Coordinamento regionale delle liste autenticamente civiche, di cui Partecipattiva è co-fondatore)

Un grande impegno che ha bisogno di trovare nuove energie da parte di chi vede in questa esperienza uno spiraglio per forzare il cambiamento della politica amministrativa del nostro territorio ancora così piegata agli interessi particolari di segreterie partitiche o individui senza scrupoli.

Energie per:

  • organizzare appuntamenti pubblici di approfondimento o conoscenza
  • organizzare azioni di contrasto alle scelte sbagliate delle amministrazioni locali
  • organizzare proposte da portare all’attenzione dei governanti locali
  • organizzare momenti di socializzazione che ci aiutino a sentirci un corpo unico, animato dalla stessa attenzione per la comunità.

Per questi motivi vi chiediamoo di pensare in modo convinto ad una adesione a Partecipattiva.

Vi aspettiamo sabato 9 maggio presso l’albergo Stella del Mare in corso Millo a Chiavari, tra le 15 e le 19 per sottoscrivere l’adesione a Partecipattiva per il 2015 (quota sociale 20 euro) e decidere insieme come collaborare.

Per partecipare a Partecipattiva non è obbligatorio iscriversi a Partecipattiva …. però ci aiuta!

Vi aspettiamo!

A Chiavari si asfalta

A seguito di procedura di gara partirà l’ asfaltatura di alcune vie cittadine; mi sono fatto dare l’elenco delle strade interessate:

Giorgio Canepa

Giorgio Canepa

1) Rifacimento asfalto 3 cm, dopo scarnificazione, per circa 8.250 mq. – costo 112.000 € + Iva

  • Tito Groppo
  • C.so Millo (da vico dei Cogorno alla Piazza)
  • Piazza Caduti (carreggiata lato ponente)
  • Tratto via Pianello (incrocio via S. Chiara)
  • Via dei velieri

2) Rifacimento asfalto 10 cm., dopo scarnificazione, per circa 3.900 mq. – costo 156.000 € + Iva

  • Via Parma (da salita Chiesa Caperana a via Piacenza)
  • Via Piacenza
  • Via per Maxena (da via Sampierdicanne a salita Casaretto)
  • Viale Devoto (da via Entella a Villaggio Novelli)
  • Via Ri Alto (da civ. 19/A a Torre civica)
  • Varie vie cittadine …non ben identificate

3) Risagomature (tappare le buche) per circa 250 mq. – costo 50.000 € più’ Iva

4) Lavori vari, quali riposizionamento tombini – costo 16.000 €

A gara aggiudicata pare che si stia cercando di modificare gli interventi, ritardando quelli in via Tito Groppo e via Parma per il fatto che continueranno a passare i camion per l’ ampliamento del porto (che come ben sapete e’ stato spostato all’ autunno …speriamo); al loro posto hanno intenzione di inserire corso Assarotti.

Ma questa nota potrebbe servire anche per identificare altre situazioni di disagio, magari prioritarie a questi interventi: se ne avete segnalatele.

Giorgio Canepa

 

Appello agli elettori

Ormai il tempo della preparazione è passato e si deve scegliere il nuovo Sindaco di Chiavari.Giorgio Canepa, Sindaco per Chiavari
Voglio rivolgermi a tutti i Cittadini con messaggi specifici:

1) Perché votare Giorgio Canepa e Partecipattiva:

  • perché il nostro progetto di città è completo, chiaro e propone un futuro alla città;
  • perché siamo slegati dai partiti e dai loro apparati che a livello locale sono sempre gli stessi;
  • perché possiamo metterci al lavoro dal giorno dopo l’eventuale vittoria, mentre chi rappresenta i partiti sarà imbrigliato dalle segreterie dei partiti e dai loro veti;
  • perché se al ballottaggio ci vanno altri, Partecipattiva andrà all’opposizione, chiunque sia il Sindaco, e io sarò a disposizione dei chiavaresi per “controllare” assiduamente quello che l’amministrazione porrà in essere.

2) Perché NON votare i Candidati sostenuti dai partiti:

  • perché rappresentano coalizioni instabili e già alle prossime politiche andranno in crisi;
  • perché devono governare troppe “correnti interne”: passeranno il tempo a cercare gli equilibri che accontentino tutti;
  • perché il loro stile non è più accettabile: basta vedere quanto soldi hanno speso per la campagna elettorale;
  • perché anche se si dicono di destra, di centro o di sinistra, non hanno difficoltà a trovare accordi di convenienza quando viene bene.

3) Perché NON votare Agostino:

  • perché non è più accettabile che governi la città un uomo solo, che impone la sua opinione anche su ciò di cui non è competente;
  • perché il suo progetto è vecchio e non è adeguato ad affrontare la crisi che attraversa l’Italia in questi anni;
  • perché è attento solo alla propria immagine, per la quale è disposto a sperperare molti quattrini pubblici (vedi libretto mandato a casa o manifesti vari appesi in città);
  • perché si rischia di tornare a votare tra un anno se verrà confermata la sentenza di condanna.

Vi ricordo che in una elezione a doppio turno, ogni voto serve per decidere chi andrà al ballottaggio. Non fatevi distrarre da chi vi parla di voto utile: c’è anche il ballottaggio!

Infine mi rivolgo a coloro che sono tentati di non andare a votare: vi capisco, negli ultimi anni tanti politici hanno solo fatto dei danni e non hanno dimostrato né serietà né apertura ai Cittadini. Ma nonostante questo, Vi invito ad andare a votare e scegliere Partecipattiva. Il cambiamento è possibile solo votando il “nuovo”, che io rappresento a Chiavari.
Questo e’ il motivo per cui mi sono messo in gioco e ho accettato la candidatura di Partecipattiva,  una gruppo di validi Cittadini che vuole il bene di Chiavari.

Giorgio Canepa

Lo sapevi che la bolletta dell’acqua è illegale?

Anche se la legge non lo prevede, il gestore del servizio idrico sta caricando sulla bolletta un profitto che è illegale! Si chiama “remunerazione del capitale investito” e, anche se è stato cancellato con il referendum dello scorso giugno, in provincia di Genova incide ancora per più del 22% delle bollette!! La buona notizia è che si può smettere di pagare questa quota, l’ottima notizia è che si può chiedere il rimborso per i mesi precedenti.

La procedura è abbastanza semplice, rivolgiti al Comitato genovese Acqua Bene Comune:
http://www.acquapubblicagenova.org/campagna-di-obbedienza-civile/

Pagando la giusta bolletta rispettiamo ed applichiamo il voto della maggioranza degli italiani, impediamo agli speculatori di lucrare sul diritto all’acqua e facciamo un passo in avanti verso la ripubblicizzazione del servizio idrico.

Inoltra questo messaggio ai tuoi contatti: si scrive acqua, si legge democrazia!

Per informazioni, e per aderire alle nostre iniziative:

Comitato genovese Acqua Bene Comune
Salita san Leonardo 25 r – tel. 389 9198656
http://www.acquapubblicagenova.org/
Facebook: Comitato Acqua Pubblica Genova
gruppoacquagenova@gmail.com

Lames – siamo al momento decisivo

Questa sera (martedì) alle ore 21.30 si radunerà la Commissione Consiliare II del Comune di Chiavari per discutere sul progetto Lames.
La seduta è pubblica, per cui chiediamo a voi di partecipare e passare la voce, perchè ci sarà la possibilità di ascolatre direttamente da progettisti e amministratori chiavaresi cosa è previsto nell’area Lames.
Alla presentazione seguirà il dibattito tra i consiglieri comunali, dibattito che sarà libero sia nei modi che nei tempi e che non verrà più risproposto nel Consiglio Comunale del martedì successivo, durante il quale sarà possibile solo fare la dichiarazione di voto.
Purtroppo è da immaginare che, come già accaduto per il park dell’Orto, si debba assistere ad un atteggiamento ostruzionistico della maggioranza: la commissione consiliare è convocata per le 21.30 e i progettisti si prenderanno sicuramente un paio d’ore per presentare il progetto. Quindi il dibattito si svolgerà verso le 23/23.30 quando giornalisti e pubblico avrebbero voglia di andarsene a casa.
Chiediamo però ai chiavaresi di mettere in previsione di fare le ore piccole data la delicatezza della questione.

Ricordiamo a tutti infatti che in estrema sintesi Lames ha proposto due possibilità: o si salva l’azienda sacrificando il territorio, con una cementificazione senza precedenti a Chiavari, o si chiude l’azienda: Regione, Provincia e Comune non hanno saputo controproporre niente e si limitano ad accettare il male minore (rovinare il territorio) pur di non essere accusati di aver fatto chiudere la Lames.

Partecipattiva non è stata invitata ad alcun tavolo di trattative e solo domani sera avrà la possibilità di porre le domande opportune. L’auspicio è che oltre ai progettisti siano presenti anche i vertici della Lames e che partecipino anche numerosi chiavaresi. Non è una questione che riguarda solo Sampierdicanne! La ricaduta di ogni decisione sarà sull’intera città.